fbpx

Mangiare sofferenza o mangiare sostenibile? A noi la scelta

A noi la scelta

Mangiare sofferenza o mangiare sostenibile?

Oggi la quasi totalità del cibo di origine animale che si trova nel mercato italiano proviene da allevamenti intensivi. Questa modalità di allevamento degli animali, che prevede spazi limitati, piccole gabbie e pratiche estremamente dolorose come mutilazioni senza anestesia, è la risposta a una domanda di mercato. 

Si tratta di un sistema alimentare con gravi problematiche non solo dal punto di vista etico, ma anche ambientale e sanitario, che può essere riformato solo partendo da un drastico calo della domanda, come oggi consigliato anche dai massimi esperti di ambiente e cambiamento climatico. 

Scopriamo insieme da dove viene il cibo che mangiamo e come essere in prima persona fautori e creatori di un futuro più sostenibile da tutti i punti di vista. 

Ne abbiamo parlato martedì 13 aprile alle ore 18.00 con Claudio Pomo, co-fondatore e responsabile sviluppo di Essere Animali. 

Vedi il Video della diretta

Grani Antichi e vantaggi per la salute e per l’ambiente

Grani Antichi e vantaggi per la salute e per l’ambiente

di Silvia Petruzzelli

I cereali sono alla base della nostra cultura e il perno intorno al quale si è evoluta la nostra civiltà.
È stata la coltivazione dei cereali a determinare un profondo cambiamento degli stili di vita, permettendo il passaggio dal nomadismo alla stanzialità.

Purché integrali, ci forniscono energia a lento rilascio: questo ha fatto in modo che diventassero tra le piante più importanti al mondo dal punto di vista alimentare. Infatti, circa metà della superficie terrestre è destinata alla loro coltivazione.

I cereali più coltivati al mondo sono frumento (Triticum), riso e mais. Di questi, utilizziamo il frutto, che si presenta sotto forma di chicco, chiamato cariosside.

Il frumento è più diffuso in Europa, il riso in Asia. Il mais continua a essere più consumato nel continente americano, luogo da cui ha avuto origine.
In Africa è più diffuso il miglio.

La nascita del grano Creso

Dopo la Seconda guerra mondiale, sono stati condotti intensi programmi di miglioramento genetico del frumento, che hanno portato alla sostituzione delle razze locali con nuove a taglia ridotta (a seguito del processo di “nanizzazione”), aumentando la loro resistenza all’allettamento in condizioni di agricoltura intensiva e incrementando quindi la produttività.
Era la fine degli anni ’60 quando, nei laboratori del CNEN, si cominciò a bombardare con radiazioni una cultivar del grano duro, precisamente il Senatore Cappelli, ibridandola con altre varietà. Ebbe origine così il grano Creso, che fu poi registrato nel 1974.
È possibile consultare le varietà mutanti sul database FAO/ IAEA (https://mvd.iaea.org/#!Variety/1105).
Tali modifiche hanno influenzato anche l’adattabilità e l’evoluzione di questa coltivazione, conferendole taglia bassa e culmi robusti in grado di resistere all’allettamento, di sopportare concimazioni abbondanti e di adattarsi a diverse latitudini.
Gran parte del grano utilizzato oggi discende da questi grani modificati.
La loro caratteristica è proprio quella della taglia ridotta (70-80 centimetri) rispetto ai frumenti fino ad allora coltivati (varietà antiche) con altezze tra i 140 e 160 cm.

Dunque, per grani antichi si intendono le varietà selezionate prima delle trasformazioni industriali applicate all’agricoltura nel Novecento, ovvero prima della nascita del grano Creso.

Ci sono svariati tipi di grani antichi: dai grani duri (Triticum durum) maggiormente utilizzati al Sud, anche per il clima più favorevole alla loro coltivazione, ai grani teneri (Triticum aestivum).

Differenze tra varietà antiche e moderne: alcuni studi sulla salute

Le varietà antiche, pur avendo una resa produttiva inferiore, hanno caratteristiche di valore aggiunto: maggiore rusticità e resistenza alle avversità climatiche, qualità nutrizionali più bilanciate, oltre agli aspetti sensoriali legati ad aromi più intensi che ci riportano ad antiche memorie.
Un altro aspetto fondamentale è legato alla biodiversità assicurata da questi grani.
Di contro, le varietà moderne sono il prodotto di un miglioramento genetico, al fine di ottenere piante più produttive e con la caratteristica di poter essere coltivate in ambienti molto diversi, massimizzando il contenuto proteico (glutine, una proteina di riserva).

Con il loro avvento, non è più la pianta che si adatta all’ambiente (le varietà antiche sono specifiche per le varie zone), ma è l’ambiente che viene sottoposto a vari interventi agronomici per adattarsi alla pianta, a discapito dell’ambiente stesso e della salute dei consumatori.

Tali varietà richiedono infatti un impiego abbastanza elevato di prodotti di sintesi, alte dosi di concimi (quindi anche azoto) ed erbicidi; si adattano poco ai metodi di coltivazione biologica.

Dal punto di vista di impatto ambientale, quindi, sarebbe più vantaggioso occuparsi di grani antichi, che riescono ad utilizzare meglio l’azoto presente nel terreno: a una taglia alta, infatti, corrisponde un apparato radicale più sviluppato e una migliore capacità di far fronte alle erbe infestanti (dunque, meno erbicidi).

A determinare l’affermarsi delle varietà moderne troviamo anche un più elevato contenuto proteico, che permette di ottenere:

  • impasti facilmente panificabili, di più grande dimensione e maggiormente alveolati e soffici
  • paste resistenti alla cottura, applicando anche alte temperature nella fase di essiccamento. Maggiori temperature favoriscono la reazione di Maillard, con danno termico alle proteine − in particolare, si ha perdita di lisina −, contribuendo alla formazione di sostanze dannose per la salute, come ad esempio la furosina, aggressiva nei confronti della parete intestinale.

Queste migliori “proprietà tecnologiche” non sono decisamente direttamente proporzionali alle proprietà nutrizionali.

Studi epidemiologici dimostrano che la maggiore quantità e diversa qualità di glutine dà luogo ad una sensibilizzazione dell’organismo a questa proteina di riserva.

Non è un caso che le reazioni di intolleranza al frumento − celiachia esclusa − si possano ridurre passando alle varietà antiche, in particolare ai grani duri.

l glutine delle farine derivanti da varietà antiche contiene meno epitopi tossici (particolari frammenti di proteine ricchi in prolina e glutamina), quindi meno sequenze riconosciute dai linfociti delle persone affette da celiachia.

Non è un caso che, negli ultimi anni, si sia verificato un incremento della celiachia in soggetti geneticamente predisposti.

È ragionevole ipotizzare che la celiachia, come anche le altre malattie autoimmuni, sia sostenuta dalla continua stimolazione da parte di sostanze che non dovrebbero essere assorbite dall’intestino, ma che riescono a passare a causa di un’esagerata permeabilità intestinale dovuta, ad esempio, a una cattiva alimentazione, che favorisce una condizione infiammatoria.

È presumibile che l’aumento della permeabilità intestinale sia un elemento integrante, insieme a fattori genetici e ambientali, nella patogenesi delle malattie infiammatorie croniche, comprese le malattie allergiche, autoimmuni e metaboliche.
Nel frumento vi sono molte sostanze fitochimiche biologicamente attive come polifenoli (flavonoidi, lignani), carotenoidi, tocoferoli e fibra, con importanza funzionale: antitumorale, antinfiammatoria, immunosoppressiva, antiossidante e antivirale.
Sono state trovate differenze significative tra le varietà antiche e quelle moderne.
La concentrazione di polifenoli totali nella farina integrale di vecchi genotipi è superiore del 3-51% rispetto alle varietà moderne.

Più studi hanno dimostrato che, rispetto alle varietà moderne, i grani antichi hanno effetti benefici sulla colesterolemia, sullo stato infiammatorio, sui danni ossidativi alle membrane cellulari, sulla funzionalità intestinale.
Tali effetti dipendono anche dalla maggiore varietà di polifenoli in essi presenti.

Secondo il professor Stefano Benedettelli, dell’Università di Firenze, “adottare varietà antiche di grani significa riequilibrare una nutrizione umana ormai subissata da processi industriali nella maggior parte degli alimenti ingeriti”.

Uno studio pubblicato sul British Journal of Nutrition nel 2014 ha esaminato gli effetti sui sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (IBS) ed ha mostrato una riduzione dei livelli di citochine pro-infiammatorie e miglioramenti importanti nella sintomatologia dell’IBS, quale la riduzione del dolore addominale, del gonfiore, della stanchezza, favorendo una migliore qualità di vita.

La sensibilità al glutine non celiaca, nota anche come NCGS (dall’inglese non-celiac gluten sensitivity) o intolleranza al glutine, è un fenomeno di recente introduzione nel dizionario medico e individua sintomi simili a quelli riscontrati nella celiachia, ma senza gli elevati livelli di anticorpi e danni intestinali. In molti casi, si può osservare che la sintomatologia non sussiste con l’assunzione di grani antichi.

Ricordiamo che le nostre scelte fanno la differenza, non solo sulla nostra salute, ma anche su quella dell’ambiente.

È presumibile che l’aumento della permeabilità intestinale sia un elemento integrante, insieme a fattori genetici e ambientali, nella patogenesi delle malattie infiammatorie croniche, comprese le malattie allergiche, autoimmuni e metaboliche.
Nel frumento vi sono molte sostanze fitochimiche biologicamente attive come polifenoli (flavonoidi, lignani), carotenoidi, tocoferoli e fibra, con importanza funzionale: antitumorale, antinfiammatoria, immunosoppressiva, antiossidante e antivirale.
Sono state trovate differenze significative tra le varietà antiche e quelle moderne.
La concentrazione di polifenoli totali nella farina integrale di vecchi genotipi è superiore del 3-51% rispetto alle varietà moderne.

Scegliere con consapevolezza equivale, non solo a leggere le etichette di un prodotto, ma anche a chiedersi cosa ci sia dietro ogni nostro acquisto, verificando: le risorse naturali e le persone impiegate (tutela dei lavoratori, rispetto della natura, della stagionalità, delle tradizioni locali), l’impatto sull’ambiente (inquinamento derivante dai trasporti).
La consapevolezza inizia con la voglia di cambiare; si coltiva attraverso un atteggiamento di disponibilità, apertura verso il nuovo e voglia di sperimentare; si alimenta con la buona informazione e con l’esperienza di un nuovo modo di essere.

Tratto dal libro “Grani Antichi e Pasta Madre” di Silvia Petruzzelli.

Arrieta M.C., Bistritz L., Meddings J.B., Alterations in intestinal permeability, Gut, 2006; 55:1512-20. Fasano A., Shea-Donohue T., Mechanisms of disease: the role of intestinal barrier function in the pathogenesis of gastrointestinal autoimmune diseases, Nat. Clin. Pract. Gastroenterol. Hepatol., 2005; 2(9):416-22.

Van den Broeck et al., Presence of celiac disease epitopes in modern and old hexaploid wheat varieties: wheat breeding may have contributed to increased prevalence of celiac disease, Theor. Appl. Genet., 2010; 121:1527-1539.

Dinelli G., Marotti I., Bosi S., Benedettelli S., Ghiselli L., Cortacero-Ramirez S., Carrasco-Pancorbo A., Segura-Carretero A., Fernandez-Gutierrez A., Lignan profile in seeds of modern and old Italian soft wheat (Triticum aestivum L.) cultivars as revealed by CE-MS analyses, Electrophoresis, 2007; 28: 4212-4219.

Leoncini E. et al., Phytochemical Profile and Nutraceutical Value of Old and Modern Common Wheat Cultivars, PLoS One, 2012; 7(9): e45997.
Sofi F., Characterization of Khorasan wheat (Kamut) and impact of a replacement diet on cardiovascular risk factors: cross-over dietary intervention study, Eur. J. Clin. Nutr., 2013; 67(2): 190–195.

Dinelli G., Profiles of phenolic compounds in modern and old common wheat varieties determi- ned by liquid chromatography coupled with time-of-flight mass spectrometry, J. Chromatogr., 2011; 1218(42):7670-81.

Sofi F. et al., Effect of Triticum turgidum subsp. turanicum wheat on irritable bowel syndrome: a double- blinded randomised dietary intervention trial, Br. J. Nutr., 2014; 111(11):1992–1999.

Iarino G. et al., A Durum Wheat Variety-Based Product Is Effective in Reducing Symptoms in Patients with Non-Celiac Gluten Sensitivity, Nutrients, 2019 Mar 27;11(4):712.

Come difendersi dai virus

Rafforzare il sistema immunitario con la macrobiotica

Come difendersi dai virus

La conferenza presenta una visione Est Ovest (orientale e occidentale) di come rafforzare il sistema immunitario e proteggersi dai virus.

Si basa su concetti di yin e yang e l’utilizzo di cibo, incluso piatti e ingredienti speciali, oltre a rimedi naturali per creare forza vitale e migliorare l’efficace del sistema immunitario.

Martin Halsey è un biologo nutrizionista esperto mondiale della cucina curativa. Fondatore responsabile e scientifico dell’associazione “La Sana Gola” e della “Milan School of Natural Cooking and Healing”, di cui è uno dei principali insegnanti.

Ne abbiamo parlato martedì 6 aprile alle ore 18.00 con  Martin Halsey in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione Est-Ovest. 

Vedi il Video della diretta

Nei tempi del Covid l’attesa attiva

dall'alimentazione ai corretti stili di vita

Nei tempi del Covid l'attesa attiva

Si parla costantemente dei vaccini, ma non si considera quanto possiamo fare per limitare il rischio con il nostro comportamento.

Armando Sarti tratterà i tempi attuali caratterizzati dalla pandemia, in termini di prevenzione del contagio e di attenuazione degli effetti del coronavirus tramite l’alimentazione e i corretti stili di vita.

Dr. Armando Sarti. Medico, specialista in Cardiologia. Scienza dell’Alimentazione. Co-fondatore della Fondazione Est-Ovest. Autore di libri e pubblicazioni in riviste scientifiche e sul Web.
Attivo nella divulgazione dei corretti stili di vita e delle buone pratiche per la salute delle persone, la sostenibilità e il rispetto dell’ambiente.

Ne abbiamo parlato martedì 30 marzo alle ore 18.00 in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione Est-Ovest.

Vedi il Video della diretta

Quali sono i benefici della pasta madre?

Quali sono i benefici della pasta madre?

di Silvia Petruzzelli

Il pane è uno degli alimenti più antichi preparati e consumati dall’uomo.
Una leggenda fa risalire la preparazione e l’uso del lievito naturale (o pasta madre) all’antico Egitto, intorno al 2000 a.C. circa.
Durante un’esondazione del Nilo, della farina conservata in un magazzino presso il fiume entrò a contatto con l’acqua e si creò un impasto che (per non buttare) fu miscelata ad altra farina ottenendo un pane più gustoso e digeribile del pane azimo che veniva prodotto precedentemente.

Nacque così la lievitazione lenta. Lenta come dovrebbe essere la nostra vita. Osservando la crescita. Ascoltando e assaporando ogni momento.

Successivamente, nel 1800, Louis Pasteur scoprì gli agenti di fermentazione Saccharomyces cerevisiae, il lievito di birra. L’introduzione di tale lievito come agente lievitante dei prodotti da forno ha determinato un parziale abbandono dell’utilizzo dell’impasto acido, a vantaggio di una lievitazione più rapida e standardizzabile, che potesse quindi rispondere alle esigenze dell’industria.

Ciò ha segnato l’inizio del pane fast. Del voglio tutto e subito.
Del “non ho più tempo!”.

C’è una notevole differenza tra il pane a lievitazione naturale e quello realizzato con il lievito di birra: il sapore, il profumo e la durata.

La differenza, in termini di composizione è che

  • nel lievito di birra ci sono solo lieviti, per la precisione, solo Saccharomyces cerevisiae in coltura pura
  • nella pasta madre, oltre ai lieviti, ci sono anche i batteri lattici; vi si possono trovare più di 50 specie di batteri lattici, la maggior parte appartenente al genere Lactobacillus e più di 20 specie di lieviti, appartenenti soprattutto ai generi.

Batteri lattici con valore

Tra i batteri, ci sono microrganismi con valore probiotico, come

  • Lactobacillus acidophilus utile per favorire l’equilibrio della flora intestinale. Ha un’azione antibatterica dovuta alla produzione di acido lattico, perossido di idrogeno e sostanze antibiotiche; riesce infatti a contrastare la crescita di batteri patogeni (Escherichia coli), favorendo le normali funzioni intestinali
  • Lactobacillus plantarum, che favorisce un equilibrio tra citochine pro e antinfiammatorie. Utile nella Sindrome dell’Intestino Irritabile
  • Lactobacillus casei che potenzia le difese immunitarie, rinforza la funzione della barriera intestinale, svolge un’azione antinfiammatoria
  • Lactobacillus rhamnosus con attività antinfiammatoria.

Questi batteri lattici non resistono alle alte temperature del trattamento termico a cui è sottoposto il pane, anche se qualcuno di essi potrebbe sopravvivere al cuore del prodotto (il cosiddetto pulcino), per poi colonizzare l’intero pane. Ecco perché il pane andrebbe consumato dopo qualche ora dalla cottura, generalmente il giorno dopo.

Quali sono i vantaggi di un pane a lievitazione naturale?

Il pane a lievitazione naturale si conserva più a lungo

Nella pasta madre sono presenti batteri lattici presenti che producono esopolisaccaridi (ovvero polimeri zuccherini “esterni”) che sono in grado di trattenere acqua. Il pane impiega quindi più tempo per diventare raffermo. La maggiore conservabilità è data anche dal pH basso, per la presenza di acido lattico prodotto dalla fermentazione lattica e dalle batteriocine prodotte dai batteri lattici.

È più digeribile e riduce la probabilità di intolleranze alimentari

I batteri lattici presenti del lievito madre dispongono di enzimi ad azione proteolitica, ovvero in grado di degradare le proteine del glutine (gliadina e glutenina); nello specifico, la gliadina, principale responsabile dell’anomala risposta immunitaria, che conduce all’atrofia dei villi intestinali nel morbo celiaco e quindi a danno tissutale. La riduzione della gliadina in aminoacidi e peptidi a minor peso molecolare fa sì che il nostro organismo non riconosca questa proteina come tossica, abbassando quindi il rischio di un eventuale danno.

Inoltre, i batteri lattici producono enzimi che il nostro organismo non riesce a produrre: si tratta delle fitasi che sono in grado di ridurre il contenuto di fitati. È stata osservata una riduzione pari al 62%, a fronte di una riduzione del 38% mediante lievitazione con lievito di birra.

Rallenta la formazione di acrilammide e riduce l’impatto glicemico

L’acrilammide è una sostanza chimica che si forma in determinati alimenti preparati a temperature normalmente superiori a 120 °C e con un basso grado di umidità. La sua formazione aumenta rapidamente quando l’umidità scende al di sotto del 5%.

Se presente negli alimenti, questa sostanza può aumentare il rischio di sviluppare il cancro nei consumatori per tutte le fasce d’età.

Nel pane a lievitazione naturale, l’ambiente acido rallenta la formazione di acrilammide e riduce l’impatto sulla glicemia.

Quali sono i vantaggi di un pane a lievitazione naturale?

Passo 1.

In una ciotola di ceramica, unire acqua e farina fino a ottenere un impasto morbido. Coprire con un panno umido e lasciar riposare in un luogo riparato per un paio di giorni.

Passo 2.

Rimuovere la patina che si è formata. Procedere con un rinfresco, quindi coprire con un panno umido e lasciar riposare in un luogo riparato per 2 giorni.

Passi successivi.

Continuare con il rinfresco per circa 10 giorni, finché l’impasto non sarà in grado di raddoppiare il suo volume in circa 4 ore. A questo punto, la pasta madre è pronta per essere utilizzata per produrre il pane.

Possiamo comunque scegliere di farci donare la pasta madre da uno dei tanti “spacciatori” di pasta madre.

Approfondimenti nel libro “Grani Antichi e Pasta Madre” di Silvia Petruzzelli.

De Angelis M. et al., Mechanism of degradation of immunogenic gluten epitopes from Triticum turgidum L. var. durum by sourdough lactobacilli and fungal proteases, Appl. Environ. Microbiol., 2010; 76(2):508-18.

Lopez H., Krspine V., Guy C., Messager A., Demigne C. e Remesy C., Prolonged fermentation of whole wheat sourdough reduces phytate level and increases soluble magnesium, Journal of Agriculture and Food Chemistry, 2001; vol. 49, pp. 2657-2662.

Liljeberg H.G. et al., Sourdough fermentation or addition of organic acids or corresponding salts to bread improves nutritional properties of starch in healthy humans, Journal of Nutrition, 1995; 125, 1503-1511.

 Östman E., Nilsson M., Liljeberg-Elmståhl H., Molin G. e Björck I., On the effect of lactic acid on blood glucose and insulin responses to cereal products: mechanistic studies in healthy subjects and in vitro, Journal of Cereal Science, 2002; 36, 339-346.

Dal Biologico al Biodinamico

una vita sostenibile per l'uomo e per il pianeta

Dal Biologico al Biodinamico

La transizione verso il bio per sistemi agricoli in armonia con la Natura.

Il modello di produzione e consumo del cibo basato sulla corsa continua verso prezzi più bassi, che scaricano sulla collettività i costi dell’inquinamento, del disinquinamento e della difesa del benessere delle persone, non è più sostenibile. Occorre una nuova visione per il futuro dell’agricoltura e del cibo.

Tutto questo è ancor più evidente nella fase attuale. Le diverse crisi che stiamo attraversando, da quella ambientale a quella climatica a quella sanitaria, sono tutte facce della stessa medaglia che rendono necessario e urgente un cambio di modello produttivo e di consumo verso un nuovo paradigma fondato sul rispetto dell’ambiente e della salute umana, di cui l’agricoltura biologica rappresenta la punta avanzata di una transizione ecologica, ora più che mai essenziale.

E’ urgente una vera e propria svolta verso l’agroecologia di cui l’agricoltura biologica e biodinamica rappresentano le esperienze più avanzate e diffuse e possono costituire il riferimento per l’agricoltura del futuro, in grado di conciliare sostenibilità economica, sociale e ambientale e un approccio efficace nel contrasto al cambiamento climatico e nella tutela della biodiversità, oltre che una concreta opportunità per i territori rurali e per l’occupazione.

Maria Grazia Mammucchini è Presidente FederBio – Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica, Imprenditrice agricola e Amministratore Unico della Società Agricola Nuova Agricoltura che gestisce in Toscana un’azienda vitivinicola e olivicola a conduzione biologica.  È socio corrispondente dell’Accademia dei Georgofili, dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino e dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali. Portavoce della Coalizione Italiana StopGlifosato, dell’agricoltura biologica e biodinamica e dei consumatori e coordinatrice della Campagna “Cambia la Terra-No ai pesticidi Si al biologico”.

 Carlo Triarico è il Presidente dell’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica, Vicepresidente di Federbio, Insegnante e direttore in APAB, Istituto di formazione riconosciuto, Presidente di Agrifound, Membro del Comitato Permanente Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica del Ministero dell’Agricoltura Editorialista per l’Osservatore Romano; Conduttore della rubrica settimanale “Agricoltura? Parliamone” di Radio Radicale Consigliere scientifico della Fondazione Italiana Ricerca in Agricoltura Biologica Svolge un’intensa attività di volontariato, divulgazione e insegnamento.

Ne abbiamo parlato in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione Est-Ovest martedì 23 marzo alle ore 18.00 con Maria Grazia Mammucchini e Carlo Triarico.

Vedi il Video della diretta

Progetto META – The best is yet to come

Progetto META - The best is yet to come

Finalmente possiamo annunciarvi la nostra partecipazione al progetto META promosso da Veracura Trust Onlus 🎉

META nasce con l’obiettivo di attivare e connettere comunità di ragazzi e ragazze per cambiare in meglio il futuro.

In che modo? Attraverso percorsi educativi, formativi e d’intrattenimento multi-disciplinari, completamente gratuiti e a numero chiuso come base per la successiva realizzazione di progetti di innovazione sociale e rigenerazione territoriale.

Fondazione Est-Ovest contribuirà alla realizzazione di questo progetto attraverso corsi di agricoltura rigenerativa ed autocostruzione con materiali naturali, volti alla rieducazione al rapporto con la natura. 🌱

Le attività sono aperte a ragazze e ragazzi di Roma, di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Le candidature sono libere e possono avvenire sul sito. Se conoscete persone che potrebbero essere interessate e quindi beneficiare di questa iniziativa potete coinvolgerle.

Per saperne di più, visitate i social di Veracura 👇

Sito Web Ufficiale

LinkedIn

Facebook

Instagram

Twitter

Fare il Bene – Fausto Carotenuto

fausto carotenuto

Fare il Bene - Come e perché cosa è veramente bene fare e quali effetti produce intorno a noi e dentro di noi

Veniamo sulla Terra per diventare più bravi a fare il Bene, questo è la missione della nostra evoluzione.
Ma è un compito non facile, anzi il più difficile.
Prima di tutto bisogna scoprire cosa è Bene e cosa non lo è.
E poi, la cosa più importante: “come farlo”, proprio nelle situazioni che non casualmente la Vita ci mette davanti.
Quando riusciamo in questo compito non solo stiamo meglio, ma soprattutto diventiamo migliori.
A beneficio nostro e delle persone intorno a noi. Una via alla nostra portata.

Fausto Carotenuto. Esperto di politica e strategie mondiali, con una vasta e diretta esperienza governativa e per conto di organizzazioni internazionali. Ha vissuto una serie di avventurose vicende in vari scenari. Studioso, scrittore e comunicatore di tematiche spirituali che pongono al centro liberi percorsi di coscienza. Fondatore del movimento politico spirituale Coscienze in Rete, dell’organo di informazione online di politica spirituale Coscienze in rete Magazine e dell’Accademia di Studi Politico Spirituali. Alla base della sua attività la convinzione che solo un approfondito approccio alle conoscenze ed alle realtà spirituali, accompagnato da un serio studio e dall’esperienza delle tematiche politiche, economiche e sociali, possano fornire un quadro realistico della situazione mondiale.

Ne abbiamo parlato in diretta sulle pagine social della Fondazione Est-Ovest martedì 16 marzo alle ore 18.00 con Fausto Carotenuto, uno dei nostri soci fondatori.

Vedi il Video della diretta

La Rivoluzione Integrale – Giannozzo Pucci

Un invito a riorganizzarsi

La Rivoluzione Integrale - Giannozzo Pucci

La crisi climatica e la crisi pandemica sono strettamente legate tra loro e sono frutto dell’incapacità della politica di governare la nostra vita e il nostro benessere sul pianeta. La fine delle ideologie, la liquefazione dei partiti, l’instabilità dei governi, la fragilità dei movimenti impongono una riflessione sul profondo cambio di paradigma culturale e di modello sociale che le crisi che ci troviamo ad affrontare ci impongono. La strategia dei piccoli passi non ha dato i suoi frutti e ora non c’è più tempo. Servono scelte radicali e rapide per una transizione veramente ecologica: una RIVOLUZIONE INTEGRALE!

Giannozzo Pucci, fin da ragazzo ha sentito il problema della degradazione della natura e della società industriale, nell’alluvione di Firenze ha scoperto la libertà di lavorare gratuitamente. Ha partecipato al 1968 nella contestazione alla società dei consumi. Ha poi aderito alle idee della non violenza gandhiana attraverso la testimonianza e il pensiero di Lanza del Vasto.
È stato fra gli iniziatori del movimento antinucleare in Italia, ha lavorato a recuperare razze di animali in estinzione dell’agricoltura toscana, ha fondato il primo mercato contadino senza veleni in Italia, “La Fierucola”, ha partecipato alla fondazione della Federazione delle Liste Verdi influenzandone lo statuto in senso comunitario. Consigliere comunale a Firenze per 6 anni, si è occupato di agricoltura contadina, di acque, di urbanistica, di scuola, trasporti elettrici, non è uno specialista e guida la Libreria Editrice Fiorentina dal 2004.

Ne abbiamo parlato con Giannozzo Pucci ed Egidio Raimondi, martedì 9 marzo alle ore 18.00, in diretta sui nostri canali social di Facebook e Instagram.

Vedi il Video della diretta

Acqua, una risorsa inestimabile a grande rischio

giuseppe ungherese

Acqua, una risorsa inestimabile a grande rischio

L’acqua siamo noi, l’acqua è la vita. Questa risorsa fondamentale per la nostra sopravvivenza sul pianeta Terra, la cui disponibilità viene spesso considerata illimitata, è sempre più a rischio. A minacciarla le conseguenze di molteplici attività umane: dalla produzione del cibo ai nostri vestiti fino alle conseguenze degli attuali modelli di consumo, ormai insostenibili, e gli effetti sempre più evidenti dei cambiamenti climatici.
I segnali d’allarme che ci lancia il Pianeta impongono un rapido cambio di rotta sui modelli economici e produttivi. Sapremo cogliere l’occasione per avviare una svolta sostenibile?

Giuseppe Ungherese, Dottore di Ricerca in Ecologia, dopo aver trascorso diversi anni nel mondo accademico è approdato a Greenpeace Italia nel 2015. Nel ruolo di Responsabile della Campagna Inquinamento, si è occupato di diversi problemi ambientali: dall’inquinamento prodotto dal settore tessile all’industria chimica. Oggi segue le varie problematiche ambientali connesse all’inquinamento da plastica.

Ne abbiamo parlato con Giuseppe Ungherese di Greenpeace e Rossella Bartolozzi di Fondazione Est Ovest martedì 2 Marzo alle 18:00.

Vedi il Video della diretta