fbpx
SPORT e ALIMENTAZIONE, seconda parte

Date

ASPETTI GENERALI DELL’ALIMENTAZIONE PER GLI SPORTIVI (8)


Rispetto a chi non pratica attività fisica regolare lo sportivo necessita uno stile alimentare che
permetta di sostenere l’esercizio fisico protratto e proteggere l’individuo dallo stress ossidativo
(8). Una dieta ben strutturata che contenga l’apporto energetico e plastico nei giusti tempi in
rapporto agli allenamenti e alle gare è alla base della strategia generale della preparazione
all’attività agonistica, come anche del benessere dell’atleta.
Sia l’apporto insufficiente delle calorie totali che quello dei singoli macronutrienti, cioè carboidrati,
proteine e grassi, impedisce l’adattamento dello sportivo alle esigenze agonistiche e al recupero
post gara.
Altrettanto cruciale è l’apporto di acqua e dei micronutrienti, quali vitamine, minerali e sostanze
protettive antiossidanti, per ridurre la suscettibilità agli infortuni e alle infezioni e mantenere
l’equilibrio immunologico, ormonale e il benessere generale dell’atleta.

Apporto energetico
E’ intuitivo che l’atleta debba ingerire calorie sufficienti per compensare l’aumento della spesa
energetica relativa agli allenamenti e alle gare. Chi svolge attività sportiva ricreativa, ad esempio
30-40 minuti di allenamento per tre giorni a settimana, non necessita di particolari aumenti
dell’apporto calorico rispetto al soggetto non sportivo (intorno alle 2000 kcal giornaliere, variabile
in base al peso).
Chi invece pratica sport a livello agonistico allenandosi 2 o 3 ore al giorno per 5-6 giorni a
settimana necessita di circa 50 kcal/Kg al giorno. Per gli atleti ad alto livello, soprattutto per quelli
impegnati in attività di endurance (corse o nuoto di lunga durata, ciclismo su strada, triathlon)
l’apporto è ancora superiore (addirittura fino alle 12.000 kcal al giorno!) e il programma
nutrizionale che comprende molto spesso supplementi e integratori, è individuale e specifico per il
tipo di attività sportiva, oltre che altamente personalizzato.
Non è facile assumere quotidianamente un carico così consistente di alimenti, anche perché
spesso l’allenamento intenso tende a ridurre la fame. I tempi digestivi inoltre non facilitano affatto
il rispetto orario dei programmi di allenamento. In questo senso un pasto completo con proteine
vegetali può risultare vantaggioso, riducendo i tempi digestivi e facilitando il programma di
allenamenti.
Si rendono necessari alimenti ad alto contenuto energetico distribuiti in 5-6 pasti quotidiani e
l’assunzione di preparati energetici e proteici sotto forma di frutti o snacks anche durante e dopo
gli allenamenti e le gare.

La necessità di assumere tante calorie e lo stress collegato alle gare può provocare spesso negli
atleti disturbi gastro-intestinali ed è quindi essenziale considerare bene cosa e come si mangia,
indipendentemente dal conteggio di carboidrati, proteine e grassi.

Carboidrati (CHO)

Nessun atleta può fare a meno di un apporto consistente e regolare di CHO, dato che le riserve di
questi nutrienti sono limitate nell’organismo (circa 300 kcal nel fegato e 2000 kcal di glicogeno nei
muscoli se la nutrizione è ottimale).
I carboidrati si possono suddividere in semplici e complessi. I complessi, soprattutto gli amidi, si
trovano principalmente nei cereali e semicereali, nei legumi e in misura inferiore (ad eccezione
delle patate) nelle verdure e ortaggi. La frutta e tutte le preparazioni “dolci”, cioè contenenti
saccarosio, lo zucchero comune, (glucosio e fruttosio legati insieme) e altri dolcificanti naturali, ad
esempio il miele o lo sciroppo di acero, contengono invece notevoli quantità di carboidrati
semplici, spesso denominati semplicemente zuccheri.
Nella trattazione che segue si considerano per lo più i carboidrati complessi, dato che quelli
semplici, consumati in modo consistente, comportano effetti tossici per l’organismo umano, sono
altamente sconsigliati nell’alimentazione in generale e anche per gli sportivi devono essere
normalmente consumati in quantità ridotte e in specifiche circostanze.
Una dieta considerata bilanciata che apporta intorno al 50% di CHO (4g/Kg/die), 15-20% di
proteine (circa 1g/Kg/die) e 30% di grassi (1.2 g/Kg/die circa) costituisce un apporto più che
sufficiente per chi svolge regolarmente attività fisica amatoriale o ricreativa.
Per gli atleti impegnati in allenamenti costanti e gare le necessità di carboidrati sono superiori, fino
a 10 g/Kg/die e variano in rapporto al tipo di sport praticato.
I CHO dovrebbero essere forniti per lo più da cereali, pseudo cereali come il grano saraceno e il
miglio, legumi, frutta e ortaggi. CHO a più rapido assorbimento, ad esempio le maltodestrine, sono
spesso utilizzati durante gli allenamenti intensi e le gare, soprattutto se l’attività fisica intensa si
protrae oltre le due ore. In ogni caso lo stato nutrizionale di base influisce molto sul
mantenimento di adeguate performances sportive.
Per chi pratica attività fisica intensa e protratta è consigliato un apporto limitato di CHO semplici,
come le maltodestrine oppure, e preferibile per alcuni studiosi, gli alimenti naturali come le
banane (1/4 del peso è costituito da zuccheri) o i datteri (2/3 del peso è costituito da zuccheri), alla
dose di 30 -40 grammi per ora finché dura la gara o l’allenamento.
Per gli sport che necessitano di fasi di sforzo molto consistente e breve durata, come le corse
veloci, i salti e gli scatti si dà particolare importanza al mantenimento di una glicemia (la quantità
di glucosio nel sangue) stabile mediante pasti e integrazioni frequenti più che in grande quantità,
anche per evitare l’aumento del peso corporeo.
Se l’attività agonistica si ripete entro breve tempo in fasi successive è bene considerare sempre un
rifornimento di CHO dalla cessazione dello sforzo fino alla ripresa dell’attività.

Proteine

L’apporto proteico per gli atleti è tuttora oggetto di discussione e dibattito. Gli studi degli ultimi
decenni indicano comunque un apporto proteico superiore a quello dell’adulto che non esegue
esercizio fisico intenso, che è di 0.8 g/Kg/die, fino al doppio o più (intorno a 1.5g/Kg/d, fino a
2g/Kg/d) allo scopo di mantenere un bilancio azotato in equilibrio, necessario per la salute

muscolare e la prevenzione di infortuni. A questo scopo gli atleti sono soliti consumare 20-40
grammi di proteine dopo l’allenamento intenso.
Nell’arco della giornata un apporto proteico adeguato risulta così calcolabile in circa 250-500
grammi di carne o pesce al giorno. Le proteine animali in quantità consistente producono
acidificazione tissutale e possono depauperare lo scheletro di calcio per contrastare l’acidosi,
mentre gli alimenti proteici vegetali come legumi, frutta secca, semi oleosi e cereali, risultano in
genere alcalinizzanti.
Quantità consistenti di proteine animali, soprattutto da carni rosse, attivano inoltre nell’organismo
meccanismi anabolici che nell’adulto facilitano l’invecchiamento e il rischio di tumori (attivazione
mTOR).
La sostituzione di parte delle proteine con alimenti proteici vegetali, come i fagioli, la soia e gli altri
legumi, i cereali e i semi oleosi, come le noci, le mandorle, i pinoli e le nocciole, rappresenta quindi
una scelta vantaggiosa per la salute dell’atleta, data la diversa composizione di aminoacidi delle
proteine vegetali rispetto a quelle animali. In questo senso è cruciale la quantità dell’aminoacido
essenziale metionina che risulta tossico in elevate quantità, molto rappresentato nella carne e
poco rappresentato nei legumi e, in quantità inferiori rispetto alla carne, nei cereali.
Da considerare che anche alcuni ortaggi risultano ricchi in proteine, ad esempio i broccoli, gli
spinaci e gli asparagi.
Il metabolismo muscolare e l’aumento della massa muscolare, assai attivati dall’esercizio fisico
intenso, richiedono una quantità sufficiente di aminoacidi a catena ramificata, leucina, isoleucina e
valina. Le sieroproteine del latte, molto rappresentate nella ricotta e altri formaggi freschi ottenuti
dal siero separato dalla cagliata, sono particolarmente ricche di aminoacidi ramificati, compresa la
leucina, particolarmente adatta per il recupero e la “riparazione” muscolare successiva
all’esercizio intenso.
Anche alcuni alimenti vegetali apportano quantità consistenti di aminoacidi a catena ramificata e
in particolare di leucina, come l’avena, il frumento, la soia, la canapa, la quinoa, i semi di zucca, le
alghe marine secche e gli altri legumi.
Le proteine non sono infatti contenute solo negli alimenti di origine animale. I legumi e i semi
oleosi, e in minor misura i cereali e pseudocereali, contengono infatti importanti quantità di
proteine, spesso al di sopra di quelle contenute nella carne.
Le proteine di origine animale (carne, pesce, uova e latticini) presentano una combinazione
aminoacidica più favorevole per quanto riguarda la presenza e le quantità relative di aminoacidi
essenziali e non essenziali (sono essenziali quelli che l’organismo non può produrre da altri
substrati e che devono essere forniti necessariamente con gli alimenti proteici).
La tirosina è un aminoacido precursore della sintesi delle catecolamine e secondo alcuni studi può
essere efficace nella performance cognitiva per gli sport che richiedono concentrazione. Questo
aminoacido è stato associato con caffeina e teanina per lo stesso scopo. La tirosina è presente
negli alimenti proteici animali e nelle noci. La teanina è un aminoacido non proteico, costituente
essenziale del tè verde e produce uno stato di allerta e attenzione non associati a stress (9).
La combinazione degli alimenti vegetali, soprattutto legumi associati ai cereali o pseudocereali,
produce comunque una miscela di aminoacidi che si avvicina molto a quella delle proteine animali.
Il tofu, ad esempio, costituisce un’ottima scelta per l’apporto proteico e di minerali, così come il
tempeh.
Come accennato altri fattori entrano in gioco, soprattutto se si vuole reintegrare rapidamente il
livello di aminoacidi nel sangue dopo le gare e gli allenamenti intensi. Le proteine del riso, ad
esempio, sono digerite in poco tempo e gli aminoacidi, soprattutto la leucina, assorbiti molto
rapidamente. La combinazione di riso e piselli secondo alcuni studi risulta particolarmente

favorevole, paragonabile ai più utilizzati prepararti di sieroproteine del latte ed è adatta anche per
gli atleti vegani (10, 11).
Le polveri di proteine (20-40 grammi) da sciogliere in acqua sono utilizzate da parte di molti atleti,
nelle fasi immediatamente successive alla gara o all’allenamento, soprattutto dopo esercizi di
potenziamento muscolare. Sono di facile e pratico impiego e anche reidratanti.
Bisogna considerare sia la composizione di aminoacidi delle varie proteine che la digeribilità e
biodisponibilità dei singoli alimenti proteici.
Anche l’apporto adeguato di CHO e grassi risulta importante per mantenere l’equilibrio azotato.
Rimane comunque essenziale un apporto proteico regolare, distribuito in ognuno dei pasti
principali.
Alimentarsi con una combinazione di alimenti proteici di derivazione vegetale meno “intossicanti”,
soprattutto legumi e semi oleosi, con quelli di origine animale, preferibilmente il pesce azzurro, il
pollo, le uova e la ricotta, rappresenta la giusta strategia per mettere insieme la salute, la durata
della vita competitiva e l’invecchiamento sano dell’atleta con la ricerca della migliore performance
sportiva.

Grassi


La quantità di grassi per gli atleti non differisce di molto in genere da quella raccomandata per la
popolazione generale, da 0.5 a 1 g/Kg/d. La qualità però risulta importante, dato che è
consigliabile, come peraltro anche per chi non fa sport, l’apporto dei grassi che contengano acidi
grassi essenziali, cioè disponibili solo con l’alimentazione, dato che l’organismo umano non è in
grado di sintetizzarli.
Sono soprattutto gli acidi grassi Omega3, l’acido eicosapentaenoico, EPA e l’acido
docosaesaenoico, DHA, i polinsaturi sintetizzati a partire dall’acido alfa-linolenico (ALA), presenti
soprattutto nei pesci grassi, come gli sgombri, le sardine, le acciughe e l’olio di fegato di merluzzo.
Acidi grassi della serie Omega3, in quantità minore, sono presenti anche nelle carni di erbivori che
si nutrono spontaneamente al pascolo e nella cacciagione.
Alcuni alimenti vegetali e principalmente i semi oleosi (noci, mandorle, lino) contengono in
quantità l’acido linolenico, che l’organismo può trasformare in piccola parte negli omega3 più
attivi, soprattutto nei soggetti giovani.
Alcune bevande proposte per chi pratica sport sono arricchite con olio di noci o di mandorle
emulsionato nell’acqua.
Anche gli acidi grassi monoinsaturi sono fondamentali e contenuti in larga quantità nell’olio
d’oliva. La prevalenza del consumo grassi di origine vegetale (tranne quelli tropicali come quello di
palma) e marina tende a potenziare l’attività antiossidante. Aspetto questo assai rilevante per gli
sportivi, dato che l’esercizio fisico produce molti radicali liberi ad attività fortemente ossidante.
Una dieta con apporto adeguato di grassi si associa al mantenimento dei livelli di testosterone, il
principale ormone naturale anabolizzante, che può diminuire nel sovrallenamento.
L’elevato apporto calorico dei grassi deve essere tenuto in conto quando è necessario mantenere
un peso ideale, in base alle specifiche esigenze delle varie discipline sportive, pensiamo per
esempio al salto in alto e alla pallavolo.
Le diete chetogeniche (il metabolismo dei grassi produce un innalzamento del livello di corpi
chetonici acetone, acido acetoacetico e acido β-idrossibutirrico), caratterizzate da ridottissime
quantità di CHO e apporto consistente di proteine e grassi, sono state proposte da alcuni
ricercatori soprattutto per l’esercizio muscolare prolungato, endurance, ma al momento non sono

consigliate dalla maggior parte dei ricercatori e sono tuttora oggetto di studi, approfondimenti e
dibattito.
Orari dei pasti e spuntini
Il timing del consumo dei pasti riveste particolare importanza per la performance sportiva, per
ricaricare l’organismo di nutrienti energetici e plastici e per il recupero neuro-muscolare. I CHO
complessi necessitano di circa quattro ore dopo l’ingestione per la digestione e per ricostituire le
riserve di glicogeno nei muscoli e nel fegato e per questo il pasto principale deve precedere di
circa cinque o sei ore l’esecuzione della gara o l’allenamento intenso. Per l’attività fisica
pomeridiana pertanto la prima colazione riveste un ruolo essenziale.
Alcuni atleti assumono anche un’integrazione glicidica-proteica (circa 50 grammi di CHO e 5-10
grammi di proteine) da un’ora a mezz’ora prima della gara, soprattutto se l’esercizio fisico intenso
si protrae nel tempo.
Durante la gara molti atleti professionisti e amatoriali assumono bevande idroelettrolitiche
contenenti anche glucosio, soprattutto se la fatica dura per più di 90 minuti. La quantità di
glucosio in questi preparati è molto spesso eccessiva, soprattutto se l’allenamento o la gara non
sono mantenuti a lungo nel tempo.
Negli esercizi ad alta intensità (> 75% VO 2 Max) che si protraggono nel tempo sono consigliati
intorno a 45 g per ora di CHO, sotto forma di banana o datteri, oppure in polveri disciolte in
soluzioni idro-elettrolitiche in piccoli sorsi ogni 10-15 minuti.
Dopo la gara gli atleti assumono spesso un’integrazione di 1g/Kg di CHO e 0.5 g/Kg di proteine e
poi consumano un pasto completo riguardo a CHO, proteine e grassi, circa 2 ore dopo.
Rimane essenziale un’alimentazione adeguata e completa nel resto della giornata. Ogni pasto
dovrebbe contenere calorie sotto forma di CHO, grassi e proteine contenuti negli alimenti quanto
più è possibile naturali, cioè non processati dall’industria alimentare.

Vitamine e Minerali


Un insufficiente apporto di vitamine, sia quelle che si sciolgono nei grassi (A,D,E,K) che quelle
idrosolubili (C e il gruppo B), influisce senza dubbio sulla performance psico-fisica, come
dimostrato in sperimentazioni su atleti con livelli bassi di vitamina C e D.
Un’alimentazione varia e ricca di cereali integrali, verdure, ortaggi e frutta fresca è pertanto
indicata per tutti gli sportivi. Varie vitamine, fra cui la C e la E in particolare, svolgono una rilevante
azione anti-ossidante, particolarmente necessaria per chi svolge attività fisica impegnativa, che
genera danno ossidativo.
La vitamina D, oltre a facilitare l’assorbimento intestinale del calcio e la deposizione nelle ossa,
svolge varie altre funzioni essenziali nell’organismo e risulta importante anche per mantenere in
equilibrio la funzione immunitaria. Il trattamento o prevenzione della carenza si rende necessario,
su prescrizione del medico, per la maggior parte della popolazione in generale, sportivi compresi,
soprattutto per chi pratica sport al chiuso in palestra e non all’aria aperta.
Tutto il gruppo delle vitamine B è essenziale nella trasformazione dei principi alimentari in energia.
Anche se un’alimentazione sufficiente e adeguata fornisce le vitamine necessarie, molti atleti
assumono integratori polivitaminici per scongiurare il rischio di un apporto insufficiente. E’
comunque importante non esagerare perché livelli eccessivi di vitamine sotto forma di integratori,
in particolare quelle liposolubili, come la A, D ed E, presentano tossicità.

Minerali

Sono elementi inorganici indispensabili per le reazioni metaboliche di tutto l’organismo,
normalmente riforniti da un’alimentazione varia e ben impostata.
Nel corso di esercizio fisico intenso e prolungato avvengono varie alterazioni del ricambio
dell’acqua corporea e degli elettroliti principali, sodio, potassio, cloro, calcio e magnesio.
E’ essenziale quindi iniziare l’attività fisica in buono stato di idratazione e ripristinare l’equilibrio
idro-elettrolitico con l’ingestione di soluzioni di acqua e sali. La reidratazione con sola acqua è
sufficiente solo nella pratica sportiva ricreativa e in quella agonistica che non comporta elevato
dispendio energetico e consistente sudorazione, ad esempio tiro a volo.
Il rischio di un’eccessiva ingestione di acqua è concreto se si esagera, in quanto la riduzione della
concentrazione di sodio nel sangue (iponatriemia) può portare a una ridotta efficienza fisica e ad
effetti indesiderati anche gravi, come le aritmie. La morte improvvisa negli ultramaratoneti è
associata infatti anche a questa alterazione.
Nell’attività fisica intensa, soprattutto se prolungata e in ambienti caldi, si rende necessario
introdurre all’incirca 2 grammi di sale comune come soluzione reidratante.
A parte la reidratazione con soluzioni idro-saline durante e dopo lo sforzo, non sono necessarie
integrazioni di minerali a meno che non sussistano specifiche carenze, come ad esempio la
reintegrazione del ferro, soprattutto nelle atlete con flussi mestruali abbondanti e per chi perde
piccole quantità di sangue, ma in modo costante, a causa delle emorroidi.
Alcuni studi evidenziano una migliore performance negli esercizi di endurance con l’ingestione di
sodio fosfato.
Lo zinco è talvolta utilizzato come supplemento negli atleti che svolgono allenamenti pesanti per
prevenire la depressione immunitaria indotta dallo sforzo intenso e prolungato. E’ particolarmente
indicato per chi segue un’alimentazione vegana.

Acqua


Lo stato d’idratazione generale si valuta con uno stick urinario che evidenzi il peso specifico
dell’urina al risveglio mattutino.
Evitare la disidratazione costituisce l’elemento più importante per prevenire il calo di performance
nell’atleta impegnato in attività intense e prolungate. Una perdita di peso da sudorazione del 2% è
certamente sufficiente a provocare una ridotta efficienza psico-fisica. Se la diminuzione del peso
arriva al 4-5% l’efficienza psico-fisica risulta molto ridotta e si possono rischiare gravi conseguenze,
dal colpo di calore fino alla morte.
Il peso corporeo dovrebbe rimanere molto vicino a quello dell’inizio della gara allo scopo di
mantenere adeguate performances. L’ingestione di acqua o bevande fresche aiuta inoltre nel
mantenimento della termoregolazione durante l’attività fisica.
Per questo è essenziale iniziare una gara o un allenamento intenso in buono stato di idratazione e
bere comunque un bicchier d’acqua prima della gara o dell’allenamento.
In media si perdono da 0.5 a 2 litri di sudore per ora nel corso di allenamenti consistenti. Le stesse
quantità devono essere reintegrate durante lo sforzo in modo costante mediante acqua e fluidi
salini reidratanti, meglio se a piccoli sorsi ogni 10-15 minuti.
Queste quantità variano comunque molto in rapporto a tanti fattori, fra i quali la temperatura
ambientale, il peso corporeo, il grado di umidità dell’aria, l’eventuale esposizione al vento e la
consistenza e permeabilità della copertura del corpo.

Durante l’allenamento e le gare la produzione di urina si riduce considerevolmente, ma se non c’è
per niente necessità di urinare per un po’ di tempo dopo la gara vuol dire che l’idratazione non è
stata sufficiente.
L’atleta deve abituarsi a bere spesso senza aspettare lo stimolo della sete, che è spesso tardivo e si
riduce comunque con allenamenti intensi e durante le competizioni, particolarmente dopo i 40
anni di età (12).
Alcuni studi evidenziano come l’ingestione di acqua alcalinizzata risulti favorevole per contrastare
l’acidosi da esercizio fisico, migliorando al contempo la capacità anaerobica (13).

Le soluzioni reidratanti per sportivi
Qual è la composizione ideale di una soluzione idro-salina reidratante?
Uno studio dimostra che l’acqua oceanica prelevata in profondità possa rappresentare una
soluzione ideale reidratante e facilitante l’attività muscolare (14). Questa acqua differisce molto
da quella del mare superficiale vicino alla riva e contiene molto meno sodio e cloro.
Il sudore umano contiene all’incirca 50 mmol/L di sodio, 40 mmol/L di cloro, 5.5 mmol/L di
potassio, 1 mmol/L di magnesio e 1.2 mmol/L di calcio.
Come già accennato la sola acqua non è più sufficiente dopo un’ora e mezzo di esercizio intenso o
dopo la riduzione del peso di più dell’1.5%, allo scopo di mantenere l’idratazione evitando
riduzioni di performance e il rischio di crampi muscolari.
Il glicerolo sembra aumentare il potere idratante delle soluzioni idro-elettrolitiche (15).
Il mentolo è consigliato da parte di alcuni autori sia per somministrazione topica, in lavaggi,
sciacqui per la bocca o come spray, che per ingestione nell’acqua o nei liquidi reidratanti. Gli
effetti di piacevole freschezza, particolarmente utili nell’attività fisica praticata in ambienti caldi, si
associano secondo alcuni studi anche ad un potenziamento, anche se lieve, della performance
(16).
La maggior parte delle soluzioni reidratanti commerciali per lo sport, ampiamente reclamizzate,
contiene in un litro di acqua intorno a 25 mmol/L di sodio (575 mg), 12 mmol/L di cloro (425 mg),
4 mmol/L di potassio (155mg), con un’osmolarità totale di circa 330 mOsm/Kg, relativa anche
all’aggiunta di glucosio, fruttosio o saccarosio (16). L’osmolarità plasmatica è intorno a 285 mOsm
(17). Soluzioni un po’ più concentrate sono proposte per rimineralizzare e reidratare chi prolunga
lo sforzo per molte ore.
Alcune soluzioni più adatte alla fase post-esercizio differiscono rispetto a quelle reidratanti per un
maggiore contenuto di potassio.
Secondo molti esperti il brodo vegetale poco salato (un cucchiaino scarso di sale grosso per 1
litro), ottenuto con la bollitura prolungata di verdure e ortaggi, anche con le parti che si scartano
in cucina, rappresenta una soluzione reidratante perfetta per le esigenze degli sportivi.
Come già accennato nelle soluzioni commerciali sono aggiunti carboidrati, aminoacidi, vitamine,
caffeina, integratori vari e sostanze aromatizzanti. La quantità di carboidrati a rapido assorbimento
non deve comunque essere eccessiva perché la brusca stimolazione insulinica riduce la lipolisi
(scioglimento dei grassi corporei) e quindi l’utilizzo dei grassi a scopo energetico.

Integratori


Nonostante l’utilizzo di integratori vari da parte degli sportivi sia assai diffuso, non è spesso
dimostrata l’efficacia delle varie preparazioni da studi controllati e comunque è certo che niente

può sostituire un piano alimentare adeguato e vario che comprenda quotidianamente la varietà e
stagionalità degli alimenti vegetali come verdure, ortaggi, legumi e frutta fresca e secca.
Soprattutto chi pratica sport che necessitano di consistenti masse muscolari e potenza esplosiva
ricorre spesso ad integratori utilizzati per favorire la sintesi di tessuto muscolare. Non per tutti gli
sport comunque si rende necessaria questa integrazione, sia per controllare il peso corporeo che
per le specifiche necessità di scioltezza ed elasticità. Il Beta-idrossi-beta butirrato, un metabolita
della leucina in quantità di 1.5-3 g al giorno, può favorire la sintesi muscolare senza rilevanti effetti
collaterali, come riportato da alcuni studi.
Molto utilizzate le preparazioni in polveri o compresse di proteine del siero di latte e quelle
derivate dalla soia o dai piselli, particolarmente ricche di aminoacidi essenziali e ramificati.
La creatina monoidrata rappresenta secondo molti esperti l’integratore più efficace per favorire la
tolleranza per gli esercizi ad alta intensità e la seguente sintesi muscolare. Da segnalare come
effetto non sempre desiderato, l’aumento di peso. La dose è di circa 0.3 g/Kg/dì per una
settimana, e, dopo, 3-5 g al giorno per mantenere alti i livelli della sostanza nel sangue e nei
muscoli per un mese.
Prove abbastanza convincenti per ottimizzare la performance sono riportate in letteratura anche
per la Beta-alanina, la caffeina, la creatina, il bicarbonato e il fosfato di sodio, oltre che per il
mantenimento dell’idratazione con soluzioni di acqua e sali con o senza CHO, già considerata.
In commercio sono disponibili un gran numero di bibite, barrette energetiche e proteiche, snacks
e gel a base di CHO e/o proteine.
Per chi pratica sport di tipo ricreativo o amatoriale non sono quasi mai necessari integratori.
Comunque per chi non vuole farne a meno è preferibile orientarsi verso prodotti biologici ben
bilanciati, con componenti vegetali e privi di sostanze tossiche, da utilizzare soprattutto nelle fasi
precedenti e subito dopo le gare e gli allenamenti intensi.
Altre sostanze proposte per ottimizzare la performance sportiva godono di prove scientifiche
inconsistenti, ridotte o non definitive.
Fra queste l’adenosina-5-trifosfata (ATP), l’acido fosfatidico, l’agmatina, un derivato
dell’aminoacido arginina, l’alfa-cheto-glutarato, l’arginina stessa, il boro, il cromo, l’acido linoleico
coniugato, l’acido d-aspartico, gli ecdysteroni, sostanze ormonali anabolizzanti derivate dagli
insetti, l’acido ferulico, gli estratti di fieno greco, la glutamina, i peptidi che liberano il GH,
l’ormone della crescita, gli isoflavoni, l’ornitina-alfa-chetoglutarato, i sulfopolisaccaridi inibitori del
catabolismo muscolare, il vanadio, il tribulus terrestris e l’aspartato di magnesio o di zinco.
Qualsiasi integratore comunque non sostituisce un’alimentazione regolare e bilanciata che
comprenda proteine vegetali e animali di alta qualità.
Da considerare sempre che le sostanze presenti negli alimenti naturali sono contenute in una
matrice protettiva che rende biodisponibili, attivi, sinergici, non tossici e complementari i vari
costituenti benefici che non potranno mai essere sostituite dagli integratori. Una mela ad esempio
ha effetti molto diversi nell’organismo rispetto alla stessa quantità di zuccheri contenuti nel frutto,
forniti però come una polvere da sciogliere in acqua o un gel.

Sport, Alterazioni gastriche, Microbiota e “Leaky Gut”
Già accennato come negli sportivi il sistema gastro-intestinale sia sottoposto a possibili effetti
indesiderati, particolarmente durante l’allenamento intenso e le competizioni.
Sono in gioco i regimi dietetici più o meno forzati o imposti, l’eccesso di proteine di derivazione
animale, lo stress collegato agli allenamenti intensi e soprattutto alle gare, gli effetti diretti
dell’esercizio fisico sulla digestione degli alimenti e sull’assorbimento dei liquidi, l’azione di

depressione dell’immunità innata e l’azione specifica di aumento della permeabilità intestinale
indotta dallo sport intenso e mantenuto nel tempo, particolarmente di tipo endurance, (leaky gut,
alla lettera “intestino gocciolante”) che causa diarrea e crampi addominali.
Per limitare i fastidi del sistema digestivo è particolarmente raccomandata un’alimentazione ricca
di vegetali, che contengono fattori prebiotici, come le fibre insolubili dei cereali integrali e quelle
solubili della frutta e dell’avena, allo scopo di mantenere sano e vario il microbiota intestinale,
cioè l’insieme di batteri che popolano l’intestino umano e che svolgono in modo diretto e indiretto
moltissime funzioni di regolazione metabolica e immunitaria con ripercussioni assai rilevanti sul
benessere e l’efficienza psico-fisica dell’intero organismo.
Il microbiota risente dell’età, della genetica, degli stili di vita compreso lo stress, in modo assai
rilevante della dieta, di varie patologie e della massa corporea (BMI, body mass index). L’attività
fisica influisce direttamente sulla composizione del microbiota e differenti discipline sportive
esercitano effetti differenti. L’importanza del microbiota intestinale per la salute e l’efficienza
dello sportivo si evince anche dal fatto che il trapianto di feci (capsule contenenti batteri vivi
prelevati dalle feci di altri individui) è considerato doping perché incrementa alcune specie
batteriche particolarmente favorevoli (ad esempio la Prevotella nei ciclisti).
Una dieta ricca di vegetali integrali e biologici si rivela così vincente per chi pratica sport sia per
l’apporto consistente di nutrienti e fattori protettivi che per il mantenimento dell’equilibrio
intestinale, messo a rischio proprio dall’attività fisica intensa.
Anche i probiotici possono svolgere una funzione benefica per chi è impegnato nell’esercizio fisico
(18). Per probiotico s’intende un preparato di microrganismi vivi che apportano dei benefici per
chi lo assume. I benefici riguardano il mantenimento o ripristino della qualità e biodiversità del
microbiota. L’esercizio fisico altera già in senso protettivo la composizione del microbiota in
termini di specie batteriche con effetti favorevoli (18). I probiotici sono indicati per chi fa sport
anche per attivare il sistema immunitario intestinale che esercita effetti potenti nell’organismo
allo scopo di contrastare il possibile effetto deprimente l’immunità dell’esercizio fisico intenso e
protratto, riducendo così la disbiosi e il rischio di infezioni (18).
In commercio ci sono tantissimi tipi di probiotici in varie formulazioni. I probiotici migliori sono
quelli naturali e vitali presenti nello yogurt e ancora di più nel kefir fatti in casa.
I probiotici inoltre svolgono al meglio la loro funzione di ripopolamento di specie batteriche
favorevoli se la dieta è ricca di prebiotici, cioè delle fibre presenti negli alimenti vegetali.
La diarrea, frequentemente riportata da tanti atleti professionisti e anche amatoriali, spesso prima
della gara, trova proprio nello stress e nella disbiosi, cioè l’alterazione del microbiota con attività
di specie batteriche nocive, il meccanismo scatenante, che può risentire della dieta sana ricca
proprio di fibre e di probiotici (18).
Le ricerche dimostrano possibili effetti positivi dei probiotici associati ai prebiotici alimentari,
soprattutto contenuti nei cereali integrali, legumi, ortaggi, verdure e frutta, anche sul piano
metabolico e ormonale, nonché sull’umore e sull’attività mentale.

L’atleta vegetariano e vegano
Molti atleti professionisti con eccellenti risultati seguono un regime alimentare vegetariano e
anche vegano. Non risulta in generale una performance ridotta da parte di chi segue una dieta
vegetariana che comprenda uova e latticini e in alcuni casi anche il pesce (dieta pescevegetariana)
(19).
Anche chi segue una dieta solo vegetale, senza prodotti animali, sembra che possa competere
senza problemi con gli atleti onnivori, ma sono quasi sempre necessari degli integratori (20).

Alcuni studi evidenziano un rischio superiore alla media generale per gli atleti onnivori impegnati
in endurance di sviluppare placche nelle arterie e danno al cuore (20).
Le sostanze vegetali cardioprotettive e antiossidanti agiscono contrastando lo stress ossidativo da
sforzo, sulla pressione arteriosa, mediante la riduzione della rigidità vascolare, abbassandone così i
valori sia a riposo che sotto sforzo e sulla salute endoteliale (il rivestimento interno dei vasi
sanguigni), riducendo così il rischio di sviluppo delle placche grasse arteriose responsabili di infarti
e ictus.
In questo senso una dieta ricca di verdure, ortaggi, frutta, legumi e cereali integrali esercita un
effetto indubbiamente protettivo e, con una quota consistente di carboidrati complessi, rifornisce
i muscoli di scorte consistenti di zuccheri.
Alcuni studi evidenziano che un a dieta vegetariana possa prolungare la durata della vita
competitiva, assicurando allo stesso tempo anche la salute, oltre alla prestazione immediata degli
atleti professionisti e amatoriali.
Non ci sono dati sicuri in letteratura riguardo agli effetti sulla performance della dieta
strettamente vegana (21) e molti esperti consigliano l’integrazione di alcuni minerali, come zinco e
ferro soprattutto per le atlete in età fertile dato che il ferro degli alimenti animali è più facilmente
assorbito (21). La supplementazione con vitamina B12 è consigliata per gli atleti vegani da tutti i
nutrizionisti dello sport, considerato che solo gli alimenti di origine animale la contengono in
quantità sufficiente. Un controllo dei livelli plasmatici è consigliato anche per quanto riguarda la
vitamina D, in modo da reintegrarla se, come spesso accade, risulta insufficiente. E’ consigliata
spesso anche l’integrazione con acidi grassi essenziali, DHA e EPA e con Sali di zinco. Anche per
quanto riguarda la taurina è consigliata l’integrazione per gli atleti ad alto livello (21).

Riferimenti bibliografici

8. Chad M. Kerksick et al. ISSN exercise & sports nutrition review update: research & recommendations. Journal
of the International Society of Sports Nutrition (2018) 15:38
9. Javier Zaragoza et al. Effects of acute caffeine, theanine and tyrosine supplementation on mental and
physical performance in athletes. Journal of the International Society of Sports Nutrition volume 16,
Article number: 56 (2019)
10. Joy JM, et al. The effects of 8 weeks of whey or rice protein supplementation on body composition and
exercise performance.
Nutr J. 2013;12:86.
11. Babault N et al. Pea proteins oral supplementation promotes muscle thickness gains during resistance
training: a double-blind, randomized, placebo- controlled clinical trial vs. whey protein. J Int Soc Sports Nutr.
2015;12(1):3.

12. Brendon P. McDermott et al. National Athletic Trainers’ Association Position Statement: Fluid Replacement
for the Physically Active. Journal of Athletic Training 2017;52(9):877–895
13. Jakub Chycki et al. Alkaline water improves exercise-induced metabolic acidosis and enhances anaerobic
exercise performance in combat sport athletes. PLOS ONE | https://doi.org/10.1371/journal.pone.0205708
November 19, 2018
14. Preston R. Harris et al. Fluid type influences acute hydration and muscle performance recovery in human
Subjects. Harris et al. Journal of the International Society of Sports Nutrition (2019) 16:15
15. Simon Piet van Rosendal et al. Guidelines for glycerol use in hyperhydration and rehydration associated with
exercise. Sports Med 2010 Feb 1; 40(2): 113-29
16. Owen Jeffries et al. The effects of menthol on exercise performance and thermal sensation: A meta-analysis.
 J Sci Med Sport 2019 Jun;22(6):707-715
17. Lindsay B. Baker. Et al. Optimal Composition of Fluid-Replacement Beverages. Compr Physiol 4:575-620,
2014
18. Ralf Jäger et al. International Society of Sports Nutrition Position Stand: Probiotics. Journal of the
International Society of Sports Nutrition (2019) 16:62 .
19. Joel C. Craddock et al. Vegetarian and Omnivorous Nutrition— Comparing Physical Performance.
International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism, 2016, 26, 212-220
20. Neal D. Barnard et al. Plant-Based Diets for Cardiovascular Safety and Performance in Endurance Sports.
Nutrients 2019, 11, 130; doi:10.3390/nu11010130
21. FUHRMAN, J. and D.M. FERRERI. Fueling the Vegetarian (Vegan) Athlete. Curr. Sports Med. Rep., Vol. 9, No. 4,
pp. 233Y241, 2010
22. Raúl Domínguez et al. Effects of Beetroot Juice Supplementation on Cardiorespiratory Endurance in Athletes.
A Systematic Review. Nutrients 2017, 9, 43; doi:10.3390/nu901003

Dott.Armando Sarti

More
articles